Homo Sapiens

Nikolaus Geyrhalter, Svizzera / Germania / Austria 2016

Presentato nella sezione Forum del Festival di Berlino del 2016, Homo Sapiens è l’ultimo documentario di Nikolaus Geyrhalter, una sinfonia malinconia e inquietante, attraverso le rovine della nostra civiltà. Neanche le chiese sopravvivono all’obsolescenza precoce. Rigorosissimi piani fissi sembrano evocare suggestioni pittoriche, attraverso una serie di opere dell’ingegno umano, che la natura sembra pian piano inghiottire: la neve cade dai soffitti sfondati, le foglie ricoprono gli scivoli, l’erba si fa largo nel cemento. In sottofondo solo i suoni della natura. La realtà sconfina nella fantascienza apocalittica. Quello di Geyrhalter è un monito lucidissimo e di straordinaria potenza visiva.

Nikolaus Geyrhalter

Autore implicitamente politico, per le situazioni e i momenti che racconta, Geyrhalter, viennese del ’72 e indipendente, non è un regista dalla poetica gridata, ma un filmmaker che sceglie la realtà in cui immergersi, ne delinea un perimetro visivo, sempre affiancato dal montatore Wolfgang Widerhofer, e invita lo spettatore a tuffarsi con la propria libertà. Fondata nel 1994, la NGF (Nikolaus Geyrhalter Filmproduktion) si concentra principalmente sulla produzione di film e documentari per il cinema e su opere di alta qualità per la televisione. Tra i riconoscimenti più recenti, la partecipazione alla Berlinale per Over The Years, progetto decennale di Nikolaus Geyrhalter.

06/07

Como, Monumento ai Caduti
Lato Sinistro
ore 21.30

Regia, sceneggiatura, fotografia: Nikolaus Geyrhalter. Montaggio: Michael Palm. Svizzera/Germania/ Austria 2016. 94 minuti. Lingua originale, sottotitoli Italiano.

Homo Sapiens

Nikolaus Geyrhalter, Svizzera / Germania / Austria 2016

Presentato nella sezione Forum del Festival di Berlino del 2016, Homo Sapiens è l’ultimo documentario di Nikolaus Geyrhalter, una sinfonia malinconia e inquietante, attraverso le rovine della nostra civiltà. Neanche le chiese sopravvivono all’obsolescenza precoce. Rigorosissimi piani fissi sembrano evocare suggestioni pittoriche, attraverso una serie di opere dell’ingegno umano, che la natura sembra pian piano inghiottire: la neve cade dai soffitti sfondati, le foglie ricoprono gli scivoli, l’erba si fa largo nel cemento. In sottofondo solo i suoni della natura. La realtà sconfina nella fantascienza apocalittica. Quello di Geyrhalter è un monito lucidissimo e di straordinaria potenza visiva.

Nikolaus Geyrhalter

Autore implicitamente politico, per le situazioni e i momenti che racconta, Geyrhalter, viennese del ’72 e indipendente, non è un regista dalla poetica gridata, ma un filmmaker che sceglie la realtà in cui immergersi, ne delinea un perimetro visivo, sempre affiancato dal montatore Wolfgang Widerhofer, e invita lo spettatore a tuffarsi con la propria libertà. Fondata nel 1994, la NGF (Nikolaus Geyrhalter Filmproduktion) si concentra principalmente sulla produzione di film e documentari per il cinema e su opere di alta qualità per la televisione. Tra i riconoscimenti più recenti, la partecipazione alla Berlinale per Over The Years, progetto decennale di Nikolaus Geyrhalter.

06/07

Como, Monumento ai Caduti
Lato Sinistro
ore 21.30