Il bambino che scoprì il mondo

Alê Abreu, Brasile 2013

Un bambino di campagna che passa le giornate in compagnia di ciò che gli offre la natura: briglie sciolte alla fantasia. Ma un giorno il padre parte per la città in cerca di lavoro e il bambino decide di seguirne le tracce. Si troverà in un mondo a lui completamente ignoto, dove affronterà imprevisti e pericoli, crescerà, ma qualcosa di quel bambino che si tuffava in mezzo alle nuvole in lui rimarrà sempre. “Non ho cercato di disegnare per forza come i bambini, quello che volevo trovare era la stessa libertà che sperimentano i bambini quando disegnano”. In Il bambino che scoprì il mondo, vincitore di numerosi premi internazionali, Alê Abreu mescola colori e tecniche e si occupa personalmente di tutte le animazioni.

Alê Abreu

Alê Abreu è nato a San Paolo (Brasile) nel 1971. Appassionato di disegno fin dall’infanzia, scopre presto René Laloux, regista di Il pianeta selvaggio (1973) e Moebius, fumettista autore di Fort Navajo. Negli anni ’90, Abreu realizza due corti di animazione (Sirius e Scarecrow) e lavora a diversi progetti di illustrazione e a spot pubblicitari, prima di realizzare il suo primo lungometraggio, Garoto Cósmico, film di animazione di ispirazione fantascientifica. Alê Abreu torna poi al formato cortometraggio con Passo. Dopo questo successo, mentre si trova nella fase di sviluppo del documentario Canto Latino, inciampa in un bambino dalla maglietta a righe bianche e rosse…

06/07

Como, Monumento ai Caduti
Lato destro
ore 21.30

Regia, sceneggiatura e montaggio: Alê Abreu. Musica: Ruben Feffer, Gustavo Kurlat. Brasile 2013.
80 minuti. Lingua Italiano.

Il bambino che scoprì il mondo

Alê Abreu, Brasile 2013

Un bambino di campagna che passa le giornate in compagnia di ciò che gli offre la natura: briglie sciolte alla fantasia. Ma un giorno il padre parte per la città in cerca di lavoro e il bambino decide di seguirne le tracce. Si troverà in un mondo a lui completamente ignoto, dove affronterà imprevisti e pericoli, crescerà, ma qualcosa di quel bambino che si tuffava in mezzo alle nuvole in lui rimarrà sempre. “Non ho cercato di disegnare per forza come i bambini, quello che volevo trovare era la stessa libertà che sperimentano i bambini quando disegnano”. In Il bambino che scoprì il mondo, vincitore di numerosi premi internazionali, Alê Abreu mescola colori e tecniche e si occupa personalmente di tutte le animazioni.

Alê Abreu

Alê Abreu è nato a San Paolo (Brasile) nel 1971. Appassionato di disegno fin dall’infanzia, scopre presto René Laloux, regista di Il pianeta selvaggio (1973) e Moebius, fumettista autore di Fort Navajo. Negli anni ’90, Abreu realizza due corti di animazione (Sirius e Scarecrow) e lavora a diversi progetti di illustrazione e a spot pubblicitari, prima di realizzare il suo primo lungometraggio, Garoto Cósmico, film di animazione di ispirazione fantascientifica. Alê Abreu torna poi al formato cortometraggio con Passo. Dopo questo successo, mentre si trova nella fase di sviluppo del documentario Canto Latino, inciampa in un bambino dalla maglietta a righe bianche e rosse…

06/07

Como, Monumento ai Caduti
Lato destro
ore 21.30